• Francesca Molinari - Rebel Dog Centro Cinofilo

L'osteopatia .. non solo umana, ora anche animale!


Come nasce?

L’osteopatia animale affonda le sue radici nell'osteopatia umana, una medicina complementare antica che ha origine nel 1800 e che rientra nelle pratiche olistiche complementari alla medicina convenzionale umana. Da circa vent'anni si è infatti iniziato a parlare a livello europeo di Osteopatia applicata agli animali, divenendo anche in Italia una tecnica di trattamento sempre più richiesta dai possessori di tante categorie di animali per gli enormi benefici che apporta loro a livello di salute e di benessere.


Che cos'è l'osteopatia animale?

L'osteopatia animale è un sistema di osservazione e di trattamento che si basa sulle scienze fondamentali e sulle conoscenze mediche tradizionali (anatomia, fisiologia, biochimica, biomeccanica ecc.), che non prevede uso di farmaci, di oggetti, di chirurgia o di macchinari, ma che attraverso tecniche manuali non invasive, ossia manipolazioni e manovre specifiche, si dimostra efficace per la prevenzione, la valutazione e la cura di disturbi che interessano tutti gli apparati e i sistemi del corpo.

Il suo presupposto principale è quello di considerare l'animale in maniera sistemica come un'unità funzionale e psico-fisica, ed andando ad operare sui suoi meccanismi cellulari, tessutali, neurologici e emozionali-etologici induce nei tessuti l’attivazione dei fisiologici meccanismi di autoguarigione e autoregolazione.

Immagine tratta da www.deicapovilla.it


La figura dell’osteopata

Il ruolo dell'osteopata è quello di eliminare i blocchi di movimento (disfunzione osteopatica) che vengono riscontrati durante l’indagine manuale. Dopo un'attenta valutazione del soggetto sotto diversi aspetti — muscolo-scheletrico, biomeccanico, vascolare, neurovegetativo, viscerale e psicologico, stile di vita — l'osteopata cerca e tratta la causa primaria del quadro sintomatico, con l'obiettivo di riportare l'omeostasi e l’equilibrio fisiologico nel corpo e nelle strutture che risultano non essere più in equilibrio e che hanno perso la corretta mobilità.


A chi è rivolta questa pratica?

L’osteopatia animale è molto applicata su cavalli, su gatti, cani, animali da fattoria e animali esotici (uccelli, rapaci, tartarughe). E' adatta per gli animali più giovani, per promuoverne lo sviluppo armonioso, per gli animali sportivi che praticano attività ad alto rendimento, per prevenire infortuni, migliorare la prestazione e ridurre i tempi di ripresa e per i più anziani, per limitare le tipiche conseguenze dell’età, migliorando qualitativamente la loro vita.


In quali casi è raccomandata?

Tra i casi trattabili con l’osteopatia troviamo:

  • disfunzioni dell'apparato locomotore come zoppie, dolori articolari, tendiniti, problemi di allineamento della colonna vertebrale, problemi nel movimento delle articolazioni, artrosi e artriti, dolore spinale, debolezza muscolare, atrofia e diminuzione nelle performance muscolari;

  • patologie degenerative muscolo-scheletriche, come la displasia dell’anca e del gomito;

  • problemi neurologici come l'epilessia;

  • alterazioni digestive come diarrea, vomito, gastrite;

  • problemi del tratto urinario, come infezioni urinarie, insufficienza renale, incontinenza urinaria;

  • difficoltà, allergie e problemi respiratori;

  • allergie e malattie della pelle;

  • otite persistente;

  • problemi comportamentali derivanti da squilibri fisici o ormonali.

Il trattamento osteopatico è consigliato anche in seguito ad operazioni chirurgiche, o come riabilitazione per recuperi funzionali, in seguito a traumi, incidenti e interventi chirurgici, per mantenere e promuovere la corretta funzionalità di organi e apparati, per risolvere aderenze cicatriziali e per salvaguardare il buon funzionamento articolare.


A chi rivolgersi?

Per trattare il nostro animale, dobbiamo assicurarci di rivolgerci solo a veterinari abilitati all’esercizio di questa disciplina fisioterapica, che lavorano sempre in sinergia con le altre figure professionali che si occupano del benessere animale.

L’applicazione delle mani a scopo terapeutico, così come l’impiego di qualunque altra tecnica medica alternativa, richiede infatti la precedente acquisizione di alcune capacità, il rispetto di un preciso codice deontologico e l’impiego di una pratica controllata.


Il nostro centro collabora con un professionista del settore.

Contattaci per ogni informazione a riguardo.

56 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti