Valentina Armani

Per Facilitatore Sistemico si intende un professionista che, attraverso l’ascolto profondo, accompagna la persona o l’animale e la sua famiglia in un percorso di crescita condiviso: favorisce lo sviluppo dell’essenza di ogni individuo nella sua multidimensionalità (dimensione fisica, energetica, emozionale, di consapevolezza …), armonizza l’intero sistema riportando ordine nelle relazioni e facilita il fluire della vita.

Il Facilitatore Sistemico costruisce un dialogo rispettoso che permetta l’emergere della consapevolezza della persona affinché possa operare scelte in modo libero e responsabile per il suo benessere, dell’animale e del sistema nella sua interezza.

Egli interviene attraverso l’uso di varie tecniche naturali, energetiche e spirituali, in collaborazione con altri professionisti utili al sostegno dell’intero processo.

Fa parte delle figure Olistiche e si caratterizza per le sue competenze trasversali, competenze che ha sviluppato ed inserito nel proprio bagaglio lavorativo, e soprattutto nella propria vita quotidiana a partire da un percorso di crescita personale. Fondamentali sono, per questo ruolo, caratteristiche di umiltà, empatia e lucida visione.

Gli studi universitari mi hanno permesso di approfondire il mondo della psicologia e dell’educazione. Gli studi accademici però non mi bastavano, avevo bisogno di riscontrare nella pratica quello che imparavo e di poterne vedere i benefici.

Nel 2006 mi invitarono ad un corso per Coadiutore del cane negli Interventi Assistiti dagli Animali. Mi intrigava l’idea di poter unire il mondo animale a quello della scuola. Mi scontrai però con una modalità che non condividevo che mi allontanò per qualche tempo dalla formazione professionale in ambito animale, un tempo importante che mi ha permesso di capire chi volevo essere e qual era la mia direzione.

In un viaggio in Carinzia rimasi stregata dagli asini conosciuti in un Eselpark, sono animali che spesso vengono denigrati ma in loro ho trovato invece una grande forza e determinazione, accompagnata da una travolgente dolcezza. Il desiderio di conoscerli a fondo mi portò a diventare Operatore in Onoterapia e a ritrovare l’interesse per proseguire quel sogno di unione tra gli animali e le persone.

Seguirono così il diplomata in Zooantropologia applicata alla Didattica, di Educatore Cinofilo, di Operatore in Interventi Assistiti dagli Animali e Istruttore Cinofilo.

Nel 2010 decido di aprire la mia prima associazione Nagual asd per dare spazio ai tanti progetti sul territorio veronese che potessero aiutare gli animali e le persone a reincontrarsi, diventando un riferimento anche per la formazione dando vita ai primi seminari in ambito cinofilo e non solo con un approccio zooantropologico.
“Il destino di ogni uomo è legato a quello di un animale” diceva il payoff dell’associazione, frase in cui ho sempre creduto e credo tutt’ora fortemente.
Nel 2012 invitiamo per la prima volta Stefano Cattinelli e con grande stupore avevo trovato per la prima volta un veterinario che vedesse nella relazione con l’animale un incontro che va oltre ai semplici aspetti etologici, una dimensione spirituale così come riconoscevo dalla mia esperienza e quella che apprendevo dalla tradizioni native.
Attraverso il percorso Animali Specchio dell’Anima e al tirocinio di affiancamento alle sue visite ho potuto chiarire i processi interni alla relazione e da una modalità spontanea di approcciarmi alla relazione ho acquisito sempre più una struttura che è diventata poi un modello operativo. Dalla collaborazione nell’associazione Armonie Animali è nato anche un libro, Vite Connesse, scritto a tre mani insieme anche al caro Pietro Luciano Venezia, veteriario e permacultore con cui abbiamo condiviso principi e applicazioni progettuali.


Nell’accogliente spazio di Ayni ho ritrovato grazie ad Elena Paganotto e Michele Scipioni la mia capacità di ascolto dei mondi sottili.

Aromaterapia, Fiori di Bach, Cristalli, Tarocchi secondo la scuola di Alejandro Jodorowsky, Animal Comunication, Cranio Sacrale, Canto Armonico, Registri Akashici sono solo alcuni degli strumenti che hanno nel tempo trovato spazio per supportare il mio lavoro. 

Grazie a queste pratiche si sono riaperte le porte all’arte, il canale che da bambina preferivo per esprimermi.
Sincronico l’incontro con Sonia Boni e la sua scuola ArteViva dove l’arte terpia diventa una preziosa via di dialogo con le corde più intime della persona ed ho completato il percorso in Strategic Art Therapy Coach.

L’incontro con le Costellazioni Sistemico Familiari è stato un sentirmi a casa, uno strumento chiaro e agevole in aiuto a quel farmi ponte tra mondo visibile e invisibile nelle relazioni.
Tra i miei insegnanti in particolare Valeria Boari e Marco Massignan entrambi legati alla conoscenza ancestrale di questa pratica e i rituali di supporto imparati nelle tradizioni native e sciamaniche.

Alessandra Comneno, Ixchel Ruz, Sofia Hernandez, Marcela Navarrete, Nana Marina Cruz, Alberto Villoldo, Diego Nicola Dentico, sono tra gli insegnati che mi hanno guidata a riconnettermi alle tradizioni native che tanto ho amato.

Maggiori info su www.valentinarmani.com